Cos’è la cura?

Chi ha scelto di seguirmi come docente nei corsi o chiamarmi come coach in consulenza sa che il concetto di cura è uno dei cardini su cui si sviluppa la mia idea di un marketing in odontoiatria che deve essere: etico e TUcentrico.

Anche l’odontoiatria, dopo l’eccesso di specializzazione che ha coinvolto tutto il settore medico, sta tornando alle sue radici: a considerare il paziente non come una bocca da curare, ma come un individuo che ricerca non solo sollievo al dolore fisico bensì anche benessere emozionale.

“Si sieda”

“Signorina facciamo una terza classe”

“A posto, può sciacquare”

“Passi in segreteria grazie”

Forse ho esagerato nella sintesi, non di molto, ma questo era e spero non sia più il tipico colloquio dentista/ paziente in cui più volte mi sono trovato in passato.

Un atteggiamento tecnicistico, basato sulla soluzione operativa del problema, che è solo parte della cura che mi avrebbe fatto felice e forse un componente di quell’immagine negativa del dentista che ancor oggi è radicata:

un medico procacciatore di dolore e paura.

(Ho dedicato un corso online a come eseguire una Prima Visita Efficace, lo realizzo in collaborazione con IdeaDana).

Questa è invece la definizione di cura che amo proporre come alternativa e ben più funzionale: è basata su un’interessamento solerte e premuroso.

Cos’è la salute?

Cos’è stare bene, cos’è l’essere “salvo da malattie” se non il ripristino di una situazione che ci rende felici e grati a chi ci ha curato?

Proviamo a rileggere in nuova ottica anche la celebre frase:

mens sana in corpore sano

Normalmente la intendiamo come un semplice invito a fare un po’ di ginnastica, ma letteralmente ha un altro significato:

noi stiamo bene emotivamente quando siamo sani.

Il nostro soffrire per una malattia non è solo questione fisica, ma spesso fortemente emozionale.

La salute è tutto, quando non è limitata al solo ambito fisico.

Non fermarti mai alle apparenze, al problema fisico, scava oltre: vi trovi l’individuo ed i suoi desideri.

Che non sono mai facili da raggiungere!

Tutto il resto

La moda del momento è la “customer experience”: l’esperienza del paziente durante la visita odontoiatrica, il suo percorso da quando telefona per l’appuntamento a quando esce dopo aver saldato la parcella.

Però ancor prima che imparassi due parole d’inglese ricordo che avevo già il “medico di famiglia” che mi chiedeva come stava mia mamma e se era cresciuta Michela, prima di chiedermi come stavo e perché ero lì.

Che mi guardava, visitava, parlava prima di mandarmi da uno specialista; che dopo voleva sapere cosa mi aveva detto, prima di decidere lui su come procedere:

che si curava di me.

E ricordo anche la “customer experience” scolastica, specialmente quella di tre ma fondamentali maestri, che dalle medie alle superiori mi hanno aiutato a diventare uomo: la cura che ponevano nel loro agire.

Perché la salute è tutto il resto.

E’ un’emozione potente, che genera un ringraziamento intenso verso chi ne è artefice e di cui l’avere una buona otturazione ne è solo una componente.

Trasformiamo i desideri in realtà e non avremo ne clienti ne pazienti, ma persone che ci vogliono bene,

In conclusione

Che tu sia un titolare di studio, un medico odontoiatra, un DOM od un ASO hai una grande responsabilità nei confronti dei pazienti: dare loro nuova salute.

Inizia e fai iniziare ogni visita con l’affetto di un sorriso e con domande sincere, a capire non solo i bisogni del paziente, ma vieppiù i suoi desideri.

Riceverai gratitudine.

Che è un bene prezioso e duraturo.

A presto sentirci, grazie

Gaetano

PS Piccolo spazio pubblicità

Oltre al fondamentale appuntamento con il il corso online sulla Prima Visita, sicuramente il mio intervento ad oggi più richiesto è la realizzazione di un corso di comunicazione interno allo studio, riservato a tutto il team ed organizzato con IdeaDana.

(NDR rivedo questo post nell’aprile 2021 e devo correggerlo: lo era. Perché è corso inutile da fare online, va preparato con il titolare, che chiarisce criticità ed obiettivi, ed eseguito fisicamente in presenza, dentro lo studio).

Riunire tutto il team, creare un gruppo coeso, con obiettivi condivisi è un altro momento catartico per iniziare questa filosofia di cura e comunicazione TUcentrica verso il paziente.

Ne scoprirai l’immediata e pratica efficacia.

Chiamami.

Gaetano

  • MODALITA’ DI CONTATTO
  • Numero Telefonico 3423204997
  • Mail gaetano@gaetanotoffali.it
  • Form richiesta informazioni
  • Profilo Facebook
  • Profilo LinkedIn