La formazione extra clinica

La formazione extra clinica

Novembre 23, 2021 0 di Gaetano Toffali

Premessa

Nell’interesse dello studio non si può più gestire l’area extra clinica in modo non professionale, non avere un Dental Office Manager a presidiarla.

Non si può lasciarlo con la sola esperienza a suo supporto, senza una adeguata formazione da usare come scala e appoggio per superare le molteplici complessità della gestione odierna di uno studio odontoiatrico.

Serve formazione adeguata, ma non esiste un percorso di formazione standard per un DOM.

Per il piccolo particolare che non siamo tutti uguali, che ognuno ha capacità ed esperienza diversa e la formazione, che funziona, ha questo come fattore imprescindibile:

Deve essere tarata a misura di partecipante.

Con IdeaDana abbiamo preparato un percorso di formazione extra clinica per le attuali “segretarie”.

Che oggi spesso operano da autodidatta, e si vuole invece siano più efficienti operando con metodo .

Potenziando quelle che sono spesso grandi capacità di base, ma non sfruttate al loro meglio.

La partenza di tale percorso è a scelta tra due corsi: quello di marketing o quello sulla prima visita.

Tale scelta dipende essenzialmente da uno dei dati fondamentali per la “salute” dello studio: quello sulla attuale percentuale di successo dei preventivi.

Il DOM dello studio ha già una certificata capacità di conclusione preventivi, stimata superiore al 80%?

Allora inizia con il corso marketing, quello che pone le basi per Generare Nuovi Clienti.

La quota di conclusione preventivi, sia in percentuale sia come valore assoluto, è invece più bassa del 80%?

Conviene subito e velocemente risolvere il problema ed eseguire ottime prime visite.

Poi si agirà in un secondo step a generare nuovi pazienti.

Vediamo in dettaglio gli obiettivi dei vari corsi, con la necessaria premessa di un aforismo attribuito a Bernard Shaw che reputo completamente veritiero.

Corso marketing: Generare clienti

Sfatiamo un’altra imbecillità: che ci siano frotte di pazienti che non sanno dove trovare un dentista e qualcuno abbia la loro lista di pronta per te.

Non è così.

La ricerca clienti, lead generation, con il web marketing funziona, ma ha regole e costi precisi.

E di solito prima di affrontarla in modo professionale, con metodo ed investimenti, conviene agire organicamente elaborando un piano marketing complessivo basato sui talenti dello studio e dei clinici che lo compongono.

Il corso marketing online è diviso in quattro moduli di 2 ore ciascuno:

1)      Analizzare l’attrattività dello studio

Altro errore clamoroso è pensare che basti copiare quello che ha fatto un altro  “collega dentista” per raggiungere i suoi stessi risultati.

Non funziona così: titolari, team, esperienze, clientela, zona diversi non possono fornire gli stessi risultati.

Il marketing non copia le azioni altrui, al limite le prende come stimolo creativo, ma esplora e poi potenzia i talenti, le capacità e competenze dello studio e del suo team.

Per cui il primo modulo ti offre degli strumenti di analisi per capire se il tuo studio ha “argomenti” e qualità in grado di attrarre nuovi pazienti.

Come scoprirle, come evidenziarle, come farle conoscere.

Utilizzando un metodo che funziona in tutte le “aziende”: partire da una diagnosi delle risorse disponibili per arrivare ad un piano d’azione strutturato, in grado di raggiungere gli obiettivi previsti.

2)      Impostare un piano marketing

Il secondo modulo ti aiuta ad impostare le linee guida per l’attività extra clinica del tuo studio.

Non proponendo astratta teoria, ma rendendo efficienti le risorse, specialmente quelle umane, dello studio.

Tramite un originale percorso di analisi riuscirai ad evidenziare le criticità attuali, i freni alla macchina dello studio.

Perché se non li sblocchi tutto sarà sempre molto più faticoso.

Poi naturalmente verrai aiutato a determinare il “talento” speciale del tuo studio, o a crearlo ove sia ancora in nuce.

Perché siamo tutti diversi e tutti uguali: per cambiare dobbiamo convincerci che sia per un’alternativa migliore.

Anche i pazienti fanno così: per scegliere devi fornire buone ragioni.

E sentimenti forti.

NOTA BENE

Quest’ultimo è un argomento troppo spesso sottovalutato: davvero noi scegliamo utilizzando la logica?

Una imponente bibliografia ci dice che:

Non è così!

3)      Il marketing interno

Il terzo modulo parte da una costatazione semplice: è più redditizio, più semplice e meno costoso il contatto con chi già ci conosce e stima o andare a caccia di nuovi sconosciuti pazienti?

Messa così è domanda retorica, ma nella maggioranza degli studi odontoiatrici le azioni di marketing rivolte ai pazienti attuali ed alla loro ramificazione sono poche o nulle.

Le aziende lo sanno benissimo: se perdi un cliente poi ne devi recuperare almeno tre nuovi per avere la stessa redditività.

I pazienti sono una miniera d’oro, di relazioni e opportunità: è una follia non gestirli in modo professionale.

NOTA BENE

Qui diventa assai importante l’uso di un buon software gestionale, che non può e deve servire solo per le cartelle cliniche e l’ambito amministrativo: un data base ben gestito cambia tutto!

4)      I clienti sono altrove

È il quarto modulo, quello che pone le basi per l’attività di marketing esterno dello studio, in gran parte quella che si svolge sul web.

Non è accettabile l’analfabetismo digitale che vige in molti studi. E se per età od indole il titolare ha difficoltà ad approcciare questo mondo allora deve attrezzarsi con un DOM che parli questo nuovo indispensabile linguaggio.

Questo ultimo modulo ti aiuta a scegliere l’attività di marketing esterno migliore per lo studio.

A capire la differenza di risultato tra avere un sito o realizzare campagne social, tra impostare una vetrina che parli di te o attivare un piano di lead generation (clienti che ti contattano).

Spiega anche come fare di te un brand: perché presentarsi in pubblico è inevitabile, avviene anche senza il tuo consenso, ma farlo male è addirittura deleterio.

Dopo il corso che si fa?

Le opzioni sono varie e dipendono essenzialmente dalla capacità del DOM che ha partecipato e dalla scelta del titolare: mi basta per proseguire da solo?

La risposta sarà: Sì!

Nel caso lo studio abbia già in atto un attività di marketing e il corso sia servito soprattutto per confrontarsi con un metodo professionale di approccio al marketing

La risposta sarà NO!

Nel caso che lo studio non si senta ancora i grado di proseguire da solo.

La vie da percorrere in tale seconda ipotesi saranno due:

  1. Richiedere una consulenza individuale
  2. Proseguire con la formazione

Nel primo caso un importante ausilio è immediato:

compresa nel corso vi è una consulenza personale di 45 minuti.

Per entrare più in dettaglio nei singoli interessi di ogni partecipante.

Per quanto riguarda la formazione il passo successivo a questo punto diventa il corso online sulla Prima Visita.

Di questo ne parliamo nel prossimo post

A presto sentirci

Gaetano