Caro Babbo Natale,

sono stato abbastanza buono quest’anno e spero te ne sia accorto.

Ci provo da un po’ di anni ad esserlo, da quando ho scoperto che preferisco vivere in letizia interiore.

Non sono più un bambino, lo avrai capito anche da come scrivo: utilizzare termini come “letizia interiore” mi data di 100 anni, però come tutti bambino lo sono stato e il piccolo Gaio è ancora parte e da qualche parte di me.

Ed ama Natale e lo scambio di doni.

Con la stranezza che mi piace ricevere regali, ma ancora di più amo farne, vedere il sorriso di chi riceve.

Sentire il calore della gioia bambina in chi lo riceve.

Per questo adoro Natale e mi stai simpatico anche tu, vecchia generosa volpe.

Comincio la mia letterina per te, iniziando con la lista dei doni che vorrei regalare, così sembro più buono, poi ti indico anche le due cosucce che piacerebbero a me.


AMICI

Agli “amici” di Facebook, LinkedIn e compagnia varia vorrei riuscire a regalare un po’ di diletto nel leggermi e possibilmente un sorriso, sarebbe tanto bello.

Come ovvio di questi tanti “amici” ne conosco davvero solo una centesima parte, ma è piacevole scambiarsi pensieri e qualche attenzione pur da fisicamente lontani.

Agli amici quelli veri vorrei regalare più tempo per vederci ed un abbraccio di quelli ante COVID, che sembro un esuberante estroverso, ma poi ho spesso pudore nell’esporre i sentimenti in pubblico.

E tu che leggi forse lo sai, se sei tra i pochi che mi vuole bene e ne è ricambiato sinceramente, ma troppo spesso anche silenziosamente.


DONNE

Lo ammetto per me la donna è il profumo della vita, per cui alle donne che hanno attraversato il mio cuore porta un bacio con lo schiocco, ognuna saprà il perché e dove posarlo.

Non dimenticarti di nessuna mi raccomando, tra le persone importanti della mia vita le donne sono la netta maggioranza ed imparare la bellezza della femminilità mi ha aiutato ad essere un uomo migliore: che è un regalo impareggiabile a restituirsi.

A chi ha avuto il coraggio di amarmi, lo sono stato più di quanto meritassi, porta gratitudine ed una istantanea del mio cuore:

il suo nome è lì, gioioso per sempre.

L’ho capito nel tempo che amore quello vero può cambiare forma, ma è per sempre e se ne va mai.


FIGLI

Essendo un felice collezionista di figli qui per te il lavoro è gravoso.

Per favore porta loro un po’ di giorni con scritto

“Questi sono giorni da passare con papà”

che con Michela ad Amsterdam, Matteo a Modena, Rudy e Gaia a Milano il vederci è complesso ed ogni tanto il groppo in gola è pesante.

Mancano i figli mancano.


LAVORO

Lascia stare l’argomento, non sono così egoista da chiedere a te clienti o soldi, finora sono sempre arrivati da soli.

Tutte le volte che ho fatto il bravo anche nella vita professionale.

Mi par giusto continui così.


ULTIMO REGALO

Gli anni passano caro Babbo ed i miei futuri mettono anche timore, nel capire quanti saranno, nel sapere come saranno.

Il cervello pare stia funzionando ancora e per il fisico ho buone frequentazioni, la palestra durante la settimana e un bel gruppetto di amici con cui tenermi in forma la domenica.

Tu che con il nome di Nicola sei anche santo, fammi una cortesia, metti una buona parola per me con il tuo capo, conservarmi ancora “vivo” per un altro po’ non sarebbe male.

Il piccolo Gaio invece ti chiede solo la cosa più importante del mondo: amore.

Lo so che madama Fortuna mi ha voluto bene e regalato un passato di tanta gioia, ma è un bambino goloso e non sa accontentarsi di quel che è stato ieri.

Anche quest’anno preparerà il latte per le renne e ti aspetterà, credendoci che gli porterai una letterina, una foto, un messaggio, una telefonata o addirittura un gesto d’amore dedicato a lui.

Fruga bene nel sacco, vedrai che qualcosa trovi.

Grazie Babbo Natale e alla prossima, mi raccomando io ti aspetto.

Continuiamo a vederci

Gaetano,

PS

Chiamala legge dell’attrazione, profezia che si auto avvera o destino cercato, ma l’esprimere i propri desideri è un buon modo per trovarli.

OTTIMO NATALE A TE