Guardami bene negli occhi perché l’argomento di oggi è tosto.

Probabilmente è l’unica cosa di lui che abbiamo letto ma, almeno per la frase che da l’input al titolo, Vittorio Alfieri lo conosciamo tutti: la sua determinazione ha molto da insegnarci sul come perseguire con forza un obiettivo.

L’obiettivo è la base di partenza su cui costruire una strategia, argomento di questo post e una delle architravi su cui si basa il mio libro:Marketing per iniziare a farlo.

Prima di parlare di strategia facciamo il punto sui post precedenti, dove abbiamo analizzato varie cose:

Il concetto di obiettivo è fondamentale per costruirci sopra la nostra strategia: l’obiettivo è il punto verso cui abbiamo deciso di arrivare.

Avere un obiettivo misurabile, anche se poi si dimostrerà inesatto, è incomparabilmente meglio che non averlo o averlo solo qualitativo.

Perché solo se puoi misurare la tua performance e paragonarla all’obiettivo iniziale hai un parametro corretto di valutazione.

“Voglio essere più bravo” è una frase da lasciare ai bambini, noi dobbiamo specificare come e perché saremo migliori.

Però credimi, definendo l’obiettivo stai realizzando la parte più difficile: quella decisionale strategica.

È su queste due parole conclusive:

  • DECISIONALE

  • STRATEGICA

Che innestiamo la citazione di Vittorio Alfieri:

“vòlli, sempre vòlli, fortissimamente vòlli”.

La volontà, l’applicazione massima nel nostro fare è un concetto che è alla base di ogni strategia di marketing, di ogni decisione fondamentale: che va meditata, analizzata, controllata e poi, quando è decisa, portata avanti con la massima energia, convinzione e volontà.

Ma cosa è la strategia? Definiamola secondo un’ottica di marketing:

La strategia è il piano a lungo termine per progettare una sequenza di azioni, ideali al raggiungimento di un specifico obiettivo predeterminato.

La strategia è compito del capo, di colui che deve guidare se stesso e gli altri verso la vittoria.

Colui che sceglie l’obiettivo, pianifica le azioni per raggiungerlo; ne controlla i risultati effettivi; cambiandoli oppure modificandoli ove serva.

La scelta di una strategia è la prima e fondamentale scelta da attuarsi in un piano di marketing.

Strategia non sono le azioni di risposta a quella dei tuoi competitors, ma la TUA scelta ponderata e perseguita dell’obiettivo da raggiungere.

Che non deve necessariamente essere: voglio diventare un novello Agnelli o il nuovo Martignoni, per citare un grande medico che ci ha lasciati.

Credi di avere le capacità per ottenere gli stessi risultati? Fai bene a puntarci.

Ti senti capace di aggiungere alla tua valenza scientifica anche un deciso aspetto imprenditoriale? Punta su questo, la leva vincente per il successo sono i tuoi punti di forza.

Ti consiglio di leggere, a questo proposito, uno snello e piacevole libro di Alessandro Chelo, si intitola “Il manager mancino”. In questo libro Alessandro parla anche di Maradona e di come sia diventato MARADONA.

Non aveva l’altezza, rari e discutibili erano i suoi colpi di testa;manodedios non usava praticamente mai il piede destro, ma ha potenziato e sfruttato a meraviglia quello che la natura gli ha donato: un piede sinistro fantastico.

Reso ancora più efficiente dalla sua determinazione feroce: i compagni di squadra raccontavano di ore di allenamento passate a provare le punizioni nel sette della rete.

Era un giocatore solo mancino, ma è diventato il miglior mancino al mondo.

Non porre limite alla tua scelta strategica, non porlo alla tua volontà.

Sviluppa e applica le tue migliori qualità, studia una appropriata strategia, utilizza la tattica corretta e controlla la sua efficacia nei risultati dei piccoli obiettivi intermedi che la compongono.

Ricorda che una strategia deve essere concreta, se no si chiama sogno.

Una canzone di qualche anno fa si intitolava:

“Uno su mille ce la fa”

Non specificava chi era quell’uno, forse parlava di te.

Confrontati con te stesso o con un buon coach, ottieni la condivisione del tuo team e poi passa alla sua attuazione: definendo la tattica operativa, la sequenza delle azioni necessarie al suo raggiungimento.

La tattica sarà l’argomento del mio prossimo post: Tattica e nuvole, il lato bello della pratica.

Ricorda: volli fortissimamente volli è già quasi una strategia. Aggiungi alla tua volontà la competenza nel marketing e ne trarrai massimo beneficio.

Non essere un numero; a meno che non sia il numero 1

Grazie per la cortesia del leggermi

Gaetano